dislessie di un giovane tecnologicamente provato

2005-11-14

comunicazione di servizio (II)

gicappa sta cercando un lavoro nella zona di Milano.
Per divertirsi produce web application (j2ee) e si diletta con i compiuterz dagli 11 anni. (a.k.a. geek mierdoso)
Per ingrassare lo stato gicappa è un freelance.
Si accettano consigli su come rivoluzionare la vita di gicappa a mezzo di proposte di lavoro in ambito differente dal sopracitato.
(evitare commenti in cui figurino "casolare in toscana" e "bar" che l'antieroe ne ha veramente basta di riascoltare i miti dei trentenni).

14 commenti:

erbasalvia ha detto...

invia curricola a marco.denti gmai

è mio amico.

:p

gicappa ha detto...

grazz grass. ti scrivo in pvt

kela ha detto...

mi potresti spiegare cos'è un freelance?

gicappa ha detto...

kela: freelance è un tipo che si propone a partita iva alle aziende senza passare da società intermedie.
a.k.a. cane sciolto. un freelance offre votivamente allo stato il 50% del suo guadagno ogni anno aggiungendo un 20% come acconto di quello che forse guadagnerà l'anno prossimo.
Insomma paga le tasse come tutti ma se ne accorge dippiu'.

kela ha detto...

beh, un pochino di nero se lo terrà pure...

gicappa ha detto...

no perché alle aziende medio/grandi conviene che si fatturi in modo da scaricare l'IVA
:(
ti vedo interessata alle web application! sappi che faccio il 3x2 solo alle prime 30 mail :)))

erbasalvia ha detto...

"faccio un freelancino".
ricordo qs frase.
mi faceva tenerezza....

kela ha detto...

gica, tu credi sia possibile ottenere denaro da me?
(alla trentunesima lo fai l'1x0?)

gicappa ha detto...

non saprei. è che sono ligure e ci provo sempre :)

cimba ha detto...

senti ma qual'è l'importante aggiornamento per questo blog? eh? non puoi lasciarci sulle spine così.

un po' di tempo fa, leggendo un articolo di un mio amico (o conoscente?), pensavo di andare sulla strada (non una caso, la dovevo scegliere dopo uno studio di geomarketing) col mio cartello di cartone sul quale lavorare di copy e elemosinare creativamente. secondo l'articolo in questo modo avrei guadagnato almeno il doppio di quanto guadagno attualmente, se non di più. mi sembrava una buona idea.
lo so che non si è capito niente, lo so.

erbasalvia ha detto...

cimba, non ci credere. non ci credere MAI!

gicappa ha detto...

cimba: nel uichend dovrei riuscire ad attuare il mio piano (il teasing è troppo lungo ma credevo che nessuno si ricordasse :))) )
per il lavoro alternativo guarda che ho capito. forse abbiamo gli stessi disturbi psichici :)))
bell'idea ma temo che, a fronte di un guadagno iniziale molto alto, lo spostamento del mercato a causa di una mia possibile creatività, mi renda inviso alla comunità di questuanti locali con relativo taglio di parti del mio corpo scelte senza il supporto del geomarchéttin.

erba: ti faccio rispondere da tenco tanto caro alla reci:
"Vedrai vedrai
vedrai che cambierà
forse non sarà domani
ma un bel giorno cambierà "
(tié :PP)

cimba ha detto...

erbasalvia: a cosa non devo credere mai?

gicappa: non avevo pensato a possibili vendette dei competitors. in effetti ci si potrebbe tirare addosso l'ira funesta dei senzatetto a cui si era sottratto l'osso.
ma secondo te e` da presuntuosi pensare di essere piu` creativi di un senzatetto?

gicappa ha detto...

cimba: in senso assoluto sì, è da presuntuosi rispetto a qualsiasi categoria.
se poi scendiamo nel particolare della realtà milanese non è che i questuanti (mica tutti senzatetto :) ) si distinguano tanto per capacità di copying. anzi.
e comunque il geomarketing no. quello non lo conoscono proprio.
(ho apprezzato la tacita citazione di bocca di rosa è una canzone che fa parte della mia infanzia - musicassetta gialla e nera rovinatissima)

Lettori fissi